Casella di testo: Santuario Diocesano dell’ Eucaristia
 
Monastero del Sacro Cuore - Via Trento 27 - Vigevano  (PV) 
 
Monastero del Sacro Cuore - Via Trento 27 - Vigevano  (PV) 
 
Monastero del Sacro Cuore - Via Trento 27 - Vigevano  (PV)

Casella di testo: Ordine Adoratrici Perpetue del SS. Sacramento

 

 

 

 

 

 

 

 

 Contattaci     

 adorazione Eucaristica

 

Primo Giovedì del mese

 

 6 Settembre 2018

  

 

 

 

 

                                                     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Venite adoriamo Gesù vincolo di unità

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CANTO: O Maestro Buono

 

GUIDA: Signore, la tua grazia ci purifichi, affinché questo tempo di adorazione sia a Te accetto e gradito. Preghiamo a cori alterni

 

 

Venite applaudiamo al Signore

accostiamoci a Lui per rendergli grazie

Venite, prostrati adoriamo

il Signore che ci ha creati.

 

E’ bello dar lode al Signore

e cantare al Suo nome, l’Altissimo

lodiamolo tra i popoli a Lui cantiamo inni

perché la Sua bontà è grande fino ai cieli.

 

Benediciamo il Signore in ogni tempo

sulla nostra bocca sempre la Sua lode.

Gustiamo quanto Ë buono il Signore

chi cerca il Signore non manca di nulla.

 

                        Rendiamo grazie al Signore con tutto il cuore

                 le sue opere sono splendore di bellezza,

                                Egli dà il cibo a chi lo teme,

          si ricorda sempre della sua Alleanza.

 

Grande sei, o Signore, e degno di ogni lode,

la Tua grandezza non si può misurare

Ti lodino e Ti adorino tutte le tue opere. Gloria al Padre…

 

 

ADORAZIONE SILENZIOSA

CANTO: Padre Santo

LETTORE:

«Perché arrivassimo all’unità con Dio e tra noi - fino ad essere

uno solo, pur restando distinti gli uni dagli altri nel corpo e nell’anima, il Figlio di Dio ha escogitato un mezzo concepito dalla sapienza e dal consiglio del Padre che gli appartengono. Benedice quelli che credono in Lui facendoli misticamente partecipi di un solo corpo, il suo. Li incorpora così a Sé e gli uni agli altri.

Chi separerà quelli che sono stati uniti da questo santo corpo nell’unità di Cristo, o li allontanerà da quella unione di natura che hanno fra loro? Infatti, se abbiamo parte ad un solo pane, noi diventiamo un solo corpo. Cristo non può essere diviso.

Per questo, sia la Chiesa che noi, sue membra diverse, siamo chiamati Corpo di Cristo... Siamo tutti riuniti all’unico Cristo per mezzo del suo santo corpo; e poiché lo riceviamo da Lui, uno e indivisibile nei nostri corpi, è a lui più che a noi stessi che le nostre membra si uniscono...»

(S. Cirillo d’Alessandria dal comm. al Vangelo di Gv. 11).

 

BREVE SILENZIO

 

GUIDA: Preghiera di adorazione

 

Signore, mi affido interamente a Te, pongo in Te la mia fiducia, sicuro che non mi deludi. Signore, la tua Parola mi indica la strada che mi porta a Te, insegnami come trovarti.

Guidami nella ricerca della tua verità e ammaestrami,

Tu che mi porti alla salvezza.

Tutto il giorno ti attendo, Signore ricordati della tua misericordia e dei tuoi favori: essi non vengono mai meno.

 

 

Signore, non ricordare le mie colpe, usami misericordia,

dimostrami la tua bontà. Tu, Signore, sei buono e mostri la via agli erranti,e fai loro conoscere la tua strada.

Chi osserva la tua legge e custodisce la tua alleanza

ha l’esperienza intima della tua bontà e la certezza di essere nella verità.

 

LETTORE: Ci lasciamo guidare dagli scritti di San Giovanni Maria  Vianney: Non rattristate lo Spirito Santo

Un cristiano creato ad immagine di Dio, redento col sangue di un Dio; un cristiano: il figlio di un Dio, il fratello di un Dio, l'erede di un Dio! Un cristiano, oggetto delle compiacenze delle tre Persone divine! Un cristiano il cui corpo è il tempio dello Spirito Santo: ecco ciò che il peccato disonora!...
Oltraggiare un Dio che ci ha creati e che ci ha soltanto fatto del bene, è il colmo dell'ingratitudine.
Quando si pensa all'ingratitudine dell'uomo verso Dio, si è tentati di andarsene dall'altra parte dei mari, per non vederla. È spaventevole! Se almeno il buon Dio non fosse così buono! ma è talmente buono!
Una persona che è in stato di peccato è sempre triste. Nonostante il suo darsi da fare, è disgustata, annoiata di tutto.

Ecco dunque un tale che si tormenta, che si agita, che fa chiasso, che vuole dominare su tutto, che si crede qualche cosa, che sembra voler dire al sole: «Togliti di lì, lasciami illuminare il mondo al tuo posto!...». Un giorno quest'uomo orgoglioso sarà ridotto tutt'al più ad un pizzico di cenere che sarà portata via di fiume in fiume... fino al mare. Mettiamo la superbia ovunque come il sale.
Una persona orgogliosa crede che tutto quello che fa è fatto bene. Vuole dominare su tutti coloro che hanno a che fare con lui; ha sempre ragione. Crede sempre che il suo parere sia migliore di quello degli altri.
Dio mio, quanto cieco è l'uomo allorché si crede capace di qualche cosa!

                                                                                                                     

ADORAZIONE SILENZIOSA

CANTO: Ave Signore

LETTORE:

Il superbo finge di disprezzarsi per essere lodato.
Cosa direste di un uomo che coltivasse il campo del vicino e lasciasse il proprio da coltivare?  Non c'è niente che offende tanto il buon Dio quanto il disperare della sua misericordia.
C'è chi dice: «Ne ho combinate troppe, il buon Dio non può perdonarmi».   È una grande bestemmia. È mettere un limite alla misericordia di Dio, e essa non ne ha: è infinita.
Ci son di quelli che una sola parola abbatte. Una piccola umiliazione fa capovolgere la barca... Coraggio, fratelli, coraggio!
Quante bugie per evitare una piccola umiliazione!
L'invidioso vuole sempre salire; il santo vuole sempre abbassarsi. Cosi l'invidioso scende sempre e il santo sale sempre.
Un'anima che vive nella tiepidezza non pensa per niente a uscirne, perché crede di essere a posto con il buon Dio.
Non è Dio che ci condanna, siamo noi coi nostri peccati. I dannati non accusano Dio. Accusano sé stessi.
Nessuno mai è stato dannato per aver fatto troppo del male…

GUIDA: Ad ogni invocazione cantiamo: Misericordias  Domini

1.LETTORE:

O Gesù, Amico del mio cuore, Tu sei il mio solo rifugio e per me l’unico riposo. Sei la salvezza nelle tempeste della vita, la mia serenità nei travagli del mondo. Tu sei per me la pace nelle tentazioni, il

sostegno nelle ore disperate e la vittoria nel combattimento che sostengo per portare alle anime il Regno.

 Tu solo puoi comprendere un’anima che soffre e resta muta, perché conosci le nostre colpe e le nostre debolezze così bene che incessantemente ci perdoni, ci sollevi  e fai in modo che impariamo ad amarti sempre più! Gesù, confido in Te.

CANTO:  Misericordias Domini 

2. LETTORE:

 Signore, nostro Dio, Tu che non sei un Dio che ci osserva dall’alto del suo trono, ma sei Uno che palpita di Amore e di trepidazione accanto a ciascuno di noi, donaci la protezione della tua Madre Immacolata, di San Giuseppe, tuo tenerissimo padre putativo e degli Arcangeli tutti, affinchè con il loro sostegno possiamo concludere la battaglia che Tu stai compiendo con noi e per noi.

CANTO: Misericordias  Domini

Noi che non ci accorgiamo dei nostri nemici che si mimetizzano dentro ed intorno a noi. Abbi pietà della nostra debolezza e soccorrici ogni momento.

Nell’ora della nostra morte abbi misericordia di noi. Te lo chiediamo per i meriti delle Tue Sante Piaghe e per il Tuo Sangue Preziosissimo. Amen.

CANTO: Misericordias  Domini

ADORAZIONE SILENZIOSA

 

LETTORE:

Lo Spirito Santo è la guida dell'anima; senza di Lui, non può nulla. L'anima posseduta da Lui è come un’uva dalla quale esce un delizioso liquore quando viene spremuta. Senza lo Spirito Santo, l'anima è come un ciottolo dal quale non si può far uscire nulla.
Coloro che sono condotti dallo Spirito Santo hanno idee giuste. Ecco perché ci sono tanti ignoranti che la sanno più lunga degli eruditi.
Un cristiano che è guidato dallo Spirito Santo non fa fatica a lasciare i beni di questo mondo per correre dietro ai beni del cielo. Sa fare la differenza.
Per l'uomo che si lascia condurre dallo Spirito Santo, sembra che non ci sia il mondo; per il mondo, sembra che non ci sia Dio.
Quando ci vengono pensieri buoni, è lo Spirito Santo che ci visita.
Lo Spirito Santo è come un giardiniere che coltiva la nostra anima.
Basta che diciamo «sì» e che ci lasciamo guidare.
Un'anima che possiede lo Spirito Santo gusta un sapore nella preghiera che fa, sì da trovare il tempo sempre troppo breve; non perde mai la santa presenza di Dio.
Come la terra non può produrre nulla se il sole non la feconda, così non possiamo fare nulla di bene senza la grazia del buon Dio.
Con lo Spirito Santo si vede tutto grande: si vede la grandezza delle minime azioni fatte per Dio, e la grandezza dei minimi sbagli.
Coloro che hanno lo Spirito Santo non possono soffrirsi, talmente conoscono la loro povera miseria.
Quando lo Spirito Santo vuole una cosa, essa riesce sempre.

BREVE SILENZIO

CANTO:  Per sempre ti loderò

 

SACEDORTE:

Ti amo, o mio Dio, e il mio solo desiderio
è di amarti fino all'ultimo respiro della mia vita. Ti amo, o Dio infinitamente amabile,
e preferisco morire amandoti
piuttosto che vivere un solo istante senza amarti.

Ti amo, Signore, e l'unica grazia che ti chiedo
è di amarti eternamente. Mio Dio, se la mia lingua
non può dirti ad ogni istante che ti amo,
voglio che il mio cuore te lo ripeta
tante volte quante volte respiro.
Ti amo, o mio Divino Salvatore,
perché sei stato crocifisso per me,
e mi tieni quaggiù crocifisso con Te.

Mio Dio, fammi la grazia di morire amandoti
e sapendo che ti amo.

 

BENEDIZIONE EUCARISTICA

 

CANTO FINALE