Casella di testo: Santuario Diocesano dell’ Eucaristia
 
Monastero del Sacro Cuore - Via Trento 27 - Vigevano  (PV) 
 
Monastero del Sacro Cuore - Via Trento 27 - Vigevano  (PV) 
 
Monastero del Sacro Cuore - Via Trento 27 - Vigevano  (PV)

Casella di testo: Ordine Adoratrici Perpetue del SS. Sacramento

 

 

 

 

 

 

 

 

 Contattaci     

 adorazione Eucaristica

 

Primo Giovedì del mese

 

6 Aprile 2018

 

 

 

 

 

                                                     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SIGNORE MIO DIO MIO

 

 

 

CANTO.  Cristo Risorge

 

GUIDA.    Rievocheremo stasera un convito pasquale dove il Risorto si fa riconoscere. Quello che avviene con Dio è sempre un incontro conviviale. La stessa Parola proclamata è cibo nutriente, perché non di solo pane vive l’uomo. Tanto più il Pane di vita che abbiamo spezzato insieme e che stiamo adorando. Ricordiamo le parole: “Beati gli invitati alla cena del Signore. Ecco l’Agnello di Dio, che toglie i peccati del mondo”. Proclameremo adesso un antico inno che la liturgia ci fa cantare nei Vespri di Pasqua e nei giorni successivi. E’ un tesoro che vogliamo recuperare anche noi stasera in questo tempo di adorazione.

GUIDA:  PREGHIERA ADORAZIONE

Signore Gesù, cammina ancora sulle nostre strade; rallenta il tuo passo perché possiamo raggiungerti e dirti la nostra sofferenza, comunicarti la delusione che ci rende ciechi, incapaci di riconoscerti e gioire per la tua vittoria sul male e sulla morte.

Donaci lo Spirito perché ascoltiamo la tua Parola e scopriamo la verità della tua Pasqua, la novità del messaggio che continuiamo a ripetere, ma senza che cambi la nostra vita. Aiutaci a non sentirci soli, a non pensare che siamo abbandonati, a non credere di dover affrontare da soli questa realtà, la storia concreta e attuale in cui ci chiami a seminare ancora il seme della tua Parola di salvezza.

Spezza ancora il Pane in mezzo a noi perché possiamo aprire il nostro cuore alla gioia e diventare anche noi testimoni di te, annunciatori della tua vittoria sul male e sulla morte, araldi della nuova e definitiva alleanza per il mondo.


                                                            

ADORAZIONE SILENZIOSA

CANTO. O  Maestro buono

Preghiamo insieme il salmo 144

Loda il Signore, anima mia:
 loderò il Signore per tutta la mia vita,
finché vivo canterò inni al mio Dio.

 

Non confidate nei potenti,
in un uomo che non può salvare.
 Esala lo spirito e ritorna alla terra;
in quel giorno svaniscono tutti i suoi disegni.

 

 Beato chi ha per aiuto il Dio di Giacobbe,
chi spera nel Signore suo Dio,
 creatore del cielo e della terra,
del mare e di quanto contiene.

 

Egli è fedele per sempre,
 rende giustizia agli oppressi,

dà il pane agli affamati.

 

Il Signore libera i prigionieri,
 il Signore ridona la vista ai ciechi,
il Signore rialza chi è caduto, il Signore ama i giusti,
 il Signore protegge lo straniero, egli sostiene l'orfano e la vedova.
                                        

ADORAZIONE SILENZIOSA

 

GUIDA. Ad ogni invocazione cantiamo: Resta con noi Signore alleluia

1. lettore

Come i discepoli di Emmaus anche noi ti diciamo: resta con noi Signore perchè ormai scende la sera, il giorno è declinato, non te ne andare, resta con noi, non ci abbandonare, vieni ad abitare con noi e noi con Te; vieni a cenare con noi, vieni ancora una volta a donarti a noi, a spezzare il Tuo Pane per noi. Oh Gesù abbiamo bisogno di Te, del Tuo Dono d'Amore, non ci lasciare, resta con noi Signore!

Resta con noi Signore alleluia

2. Lettore

Resta con noi o Signore, rimani accanto a coloro che sono tristi e soli, a coloro che soffrono, a chi è ammalato in ospedale o in casa, entra oh Gesù a dimorare nelle nostre case, in tutte le nostre famiglie. Resta con noi  Signore, quando ci sentiamo scoraggiati, quando il nostro passo è triste e incerto; vieni accanto a noi, portaci al Banchetto dell'Amore, portaci sempre alla Tua Eucaristia, per riceverla con un più grande desiderio.

Resta con noi Signore alleluia

1. Lettore

 

Come Maria Tua Madre, ti accolse nel suo grembo purissimo, così questa nostra adorazione sia un gesto di amore profondo, un gesto di amore puro e verginale nel quale ti accogliamo perché tu entri in noi e rimani con noi per sempre!

Resta con noi Signore alleluia

2. Lettore

Siamo sicuri o Gesù che dalla Tua Eucaristia viene a noi un'energia d'Amore, di dono, di missione; dall'Eucaristia scaturisce la missione, dall'Eucaristia viene la Chiesa, nasce la Chiesa che è tutta missionaria. Con questo Sacramento del Tuo dono dacci la forza di essere testimoni nel mondo del Tuo Amore, fa di ciascuno di noi un vero missionario, a cominciare dall'ambiente in cui siamo, dai nostri cari, dalle persone che incontriamo, dacci il coraggio, l'energia per annunciare il Tuo Vangelo

Resta con noi Signore alleluia

1. LETTORE.

Nel Sacramento dell'Eucaristia, o Gesù, rimani sempre fedele a noi, Tu non ci abbandoni mai, ogni volta ti troviamo dentro la Chiesa, dentro il Tabernacolo, vuoi abitare con noi per sempre, rendi anche noi fedeli, stabili nel Tuo Amore, non sempre vacillanti, sballottati di qua e di là, ferma il nostro cuore accanto a Te!

 

BREVE SILENZIO

CANTO.  Tu per corri con noi

 

GUIDA:  Lasciamoci guidare dal catechesi di Papa Benedetto XVI  sui i due discepoli di Emmaus.

 

LETTORE.

In questo tempo di Pasqua la liturgia ci invita ad incontrare personalmente il Risorto e a riconoscerne l’azione vivificatrice negli eventi della storia e del nostro vivere quotidiano. Ci viene riproposto l’episodio commovente dei due discepoli di Emmaus (cfr Lc 24,13-35). Dopo la crocifissione di Gesù, immersi nella tristezza e nella delusione, essi facevano ritorno a casa sconsolati. Durante il cammino discorrevano tra loro di ciò che era accaduto in quei giorni a Gerusalemme; fu allora che Gesù si avvicinò, si mise a discorrere con loro e ad ammaestrarli: "Stolti e tardi di cuore nel credere alla parola dei profeti Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria?" (Lc 24,25 -26). Cominciando poi da Mosè e da tutti i profeti, spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui.

 

LETTORE.  

L’insegnamento di Cristo – la spiegazione delle profezie fu per i discepoli di Emmaus come una rivelazione inaspettata, luminosa e confortante. Gesù dava una nuova

 

chiave di lettura della Bibbia e tutto appariva adesso chiaro, orientato proprio verso questo momento. Conquistati dalle parole dello sconosciuto viandante, gli chiesero di fermarsi a cena con loro. Ed Egli accettò e si mise a tavola con loro. Riferisce l’evangelista Luca: "Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro" (Lc 24,29-30). E fu proprio in quel momento che si aprirono gli occhi dei due discepoli e lo riconobbero, "ma lui sparì dallo loro vista" (Lc 24,31). Ed essi, pieni di stupore e di gioia, commentarono: "Non ci ardeva forse il cuore nel petto mentre conversava con noi lungo il cammino, quando ci spiegava le Scritture?" (Lc 24,32).

LETTORE

 

I discepoli di Emmaus lo riconobbero e si ricordarono dei momenti in cui Gesù aveva spezzato il pane. E questo spezzare il pane ci fa pensare proprio alla prima Eucaristia celebrata nel contesto dell’Ultima Cena, dove Gesù spezzò il pane e così anticipò la sua morte e la sua risurrezione, dando se stesso ai discepoli. Gesù spezza il pane anche con noi e per noi, si fa presente con noi nella Santa Eucaristia, ci dona se stesso e apre i nostri cuori. Nella Santa Eucaristia, nell’incontro con la sua Parola, possiamo anche noi incontrare e conoscere Gesù, in questa duplice Mensa della Parola e del Pane e del Vino consacrati.

 

 

ADORAZIONE SILENZIOSA

CANTO:   Alleluia o giusti

SACERDOTE: 

Signore Gesù, nell'Eucaristia

tu sei il centro di tutta la comunità cristiana,

tu sei il vincolo della carità, perché tu sei l'amo

re.  Tu, ricco di misericordia e di bontà,

accresci l'amore tra noi, disperdi ogni avversione,

togli ogni tristezza dell'anima. Rassicura i cuori ansiosi, rinvigorisci gli animi avviliti, spegni l'odio nei cuori, porta concordia e tranquillità nel mondo intero.

Fai che tutti ci riconosciamo figli del Padre

celeste, per sentirci tutti fratelli,

con te, in te, per te.

 

CANTO.  FINALE

 

BENEDIZIONE  EUCARISTICA